Il Dottorato di Ricerca in “Logistica, Trasporti e Territorio”: il dottorato, iniziato alla fine del 2006 (XXII ciclo) prevede cicli di lezioni e seminari per dottorandi e ricercatori, con forme di collaborazione e scambio con altre università nazionali ed estere. Il dottorato è volto alla promozione e al potenziamento della ricerca avanzata, rappresentando un laboratorio dove si formano le giovani leve di ricercatori nel campo della logistica e dei trasporti.

Dal XXXIII Ciclo , il dottorato è stato rinominato in  Dottorato di Ricerca in "Logistica e Trasporti".

I docenti del CIELI partecipano inoltre al Collegio dei Docenti di Dottorati/PHD course organizzati sia a livello nazionale, sia internazionale.

Il corso di Dottorato ha messo a concorso e assegnato (nella totalità) borse di studio autofinanziate, ovvero ottenute nei diversi anni dal Progetto Giovani ex D.M. 198/03, o ancora finanziate da enti/aziende esterni; per il ciclo XXV inoltre ha visto assegnata una borsa tra quelle messe a bando dalla Regione Liguria su fondi FSE 2007-2013, Asse IV “Capitale umano Obiettivo Specifico i/4, i/5”. Anche i posti senza borsa sono sempre stati assegnati.

Il corso di Dottorato di Ricerca in “Logistica e trasporti” è l’unico ad avere caratteristiche di interdisciplinarità che ne consentono la frequenza da parte di laureati delle diverse discipline, giuridiche, economico-manageriali e ingegneristiche.

Gli obiettivi formativi sono impostati affinché al termine del corso di dottorato gli studenti acquisiscano:

conoscenza degli strumenti di base con riferimento specifico ai settori dei trasporti e della logistica;

competenze specialistiche in una delle tre aree disciplinari menzionate, acquisita prevalentemente attraverso attività di studio e ricerca, con eventuali periodi di tirocinio, attraverso esperienze in enti/aziende, nonché attraverso la partecipazione a convegni e seminari anche di carattere internazionale;

conoscenza dello stato dell’arte e delle tendenze in atto nei settori di riferimento.

Le qualità di questo dottorato, che lo mettono in una posizione di evidenza nel panorama nazionale, sono congruenti con le caratteristiche del CIELI e consentono di definire il dottorato non solo come il laboratorio dove si formano le giovani leve di ricercatori nel campo della logistica e dei trasporti, ma anche un indispensabile strumento di lavoro e di crescita del CIELI.

Il Centro, infatti, ha bisogno di giovani che vengano addestrati al lavoro interdisciplinare per mantenere il grado di innovatività che lo ha contraddistinto fin dalla nascita.

Il successo del dottorato è attestato, tra l’altro, dagli esiti professionali dei partecipanti attualmente impiegati presso enti e imprese specializzati nei trasporti e nella logistica, ovvero inseriti in ambiti accademici non soltanto genovesi.

Alcuni studenti, conseguito il titolo di Dottore di Ricerca, hanno continuato a collaborare ai progetti di ricerca in corso presso il CIELI, approfondendo le loro conoscenze ed inserendosi al tempo stesso nel mondo del lavoro.

Descrizione e obiettivi del corso

Il corso di Dottorato di Ricerca in “Logistica e trasporti” ambisce a formare e indirizzare alla ricerca interdisciplinare laureati magistrali in discipline tecniche, giuridiche ed economiche.

Il corso dottorale prevede al primo anno esclusivamente attività didattiche formative volte ad ulteriormente approfondire le competenze e conoscenze scientifico-culturali coerenti con l'area scientifica scelta (tra economica, giuridica o tecnica) o di provenienza.

Le competenze multidisciplinari derivano dalla frequenza al primo anno di uno o due corsi di aree scientifiche diverse da quella scelta e dal ciclo di seminari svolto all'interno del Centro.

Le attività didattiche del primo anno potranno essere svolte in lingua inglese (in ragione della lingua del docente e di quella dei dottorandi).

Il secondo anno è prevista la mobilità all'estero dei dottorandi per un periodo variabile tra 6 mesi e un anno. La mobilità verrà effettuata in una sede con la quale il CIELI ha sviluppato collaborazioni scientifiche e di ricerca o nella eventuale sede del co-tutor del dottorando. In tale secondo anno di attività è prevista una prevalente attività di ricerca ed alcune attività didattico-formative da concordare caso per caso.

Il terzo anno di dottorato è dedicato alla stesura della tesi sotto la guida di un tutore appartenente al collegio e di un co-tutore, preferibilmente afferente ad università straniera. 

Al termine del secondo e a metà del terzo anno ogni dottorando dovrà tenere un seminario di fronte al Collegio.

 

Sbocchi occupazionali e professionali previsti

I futuri dottori di ricerca del Dottorato potranno trovare uno sbocco occupazionale in una molteplicità di ambiti e settori.

Per quanto concerne il settore privato, essi potranno utilmente essere occupati con funzioni direttive nelle aziende che si occupano della produzione di servizi di trasporto (ad es. aziende ferroviarie e compagnie di navigazione) e nelle aziende del mondo della logistica (es. agenzie marittime, spedizionieri, società di logistica, gestori di impianti intermodali).

Per quanto concerne il settore pubblico, possibili sbocchi occupazionali sono le agenzie che presiedono il settore, quali l'Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART), le Autorità di sistema portuale, le agenzie internazionali e nazionali (e locali) che si occupano di mobilità.

Infine, ulteriore sbocco professionale è rappresentato dal mondo della ricerca scientifica, i diversi osservatori su mobilità e logistica presenti a livello nazionale, nonchè il settore della consulenza professionale.

CICLO

COMPOSIZIONE COLLEGIO DOCENTI

DOTTORANDI

XXXIII Collegio docenti XXXIII Ciclo

Dr.ssa Veronica Asta

Dr. Alberto Bertolin

Dr.ssa Francesca Romana Carlone

Dr. Matteo Turci

Dr. Francesco Cidatma Vitellaro

 XXXIV Collegio docenti XXXIV Ciclo

Dr.ssa Emanuela Baglietto

Dr. Giorgio Bavassano

Dr. Andrea Bergamino

Dr.ssa Martina Sciaccaluga